Il Design della Comunicazione e la ricerca digitale nelle Scienze Umane e Sociali. Strumenti, metodi, interfacce

By The GPDH Editors | May 13, 2013

La recente espansione di social media, tecnologie mobile e strumenti di analisi in grado di elaborare grandi quantità di dati, sta contribuendo alla formazione di nuovi metodi ed oggetti di studio nelle scienze umane e sociali. Accanto a fenomeni ed oggetti non digitali, si configurano oggi nuovi spazi di produzione culturale e interazione sociale intrinsecamente legati al digitale, in termini di schemi e formati.

All’interno dell’attuale svolta computazionale, interfacce visuali, visualizzazioni di informazioni, approcci fuzzy hanno permesso anche a chi diffidava di numeri, calcoli e computer di avvicinarsi a metodi di ricerca computazionali. Questi nuovi contesti disciplinari guardano al design come un indispensabile insieme di pratiche e conoscenze da integrare nelle loro attività. Lo scenario interdisciplinare, orientato al progetto e alla collaborazione, che oggi emerge, offre un contesto ottimale per lo studio e l’applicazione della cultura e delle pratiche del design, soprattutto in relazione agli approcci interpretativi, centrati sull’utente e sulla dimensione contestuale tipici del design della comunicazione e delle interfacce. Il design di visualizzazioni ed interfacce per accedere, osservare ed esplorare queste nuove forme ed espressioni culturali e sociali, è oggi elemento centrale nelle attività di ricerca. Partendo dalla volontà di comprendere le opportunità per il progetto della comunicazione all’interno degli scenari attuali e futuri provenienti dalle intersezioni tra studi sociali e umanistici e tecnologie digitali, la ricerca mira alla definizione di nuovi metodi e pratiche di progettazione a supporto dei processi di ricerca degli e negli ambienti digitali, attraverso interfacce e visualizzazioni per l’accesso e la manipolazione di dati ed informazioni.

Read full post here.